top of page
  • Immagine del redattoreClaudio Ventura

Earth Overshoot Day 2023: da quando siamo in debito con il pianeta?

Il 2 agosto è stato il Earth Overshoot Day 2023: questo indica che a partire da quella data e per il resto del 2023, siamo in debito con la Terra poiché abbiamo esaurito tutte le risorse offerte dal pianeta.



Come anticipato in un precedente articolo, l'Earth Overshoot Day, è il giorno dell'anno in cui l'umanità consuma tutte le risorse offerte dal pianeta.

Dal 1987 in poi, ogni volta in cui l'Overshoot Day è coinciso con un giorno precedente rispetto al 365° giorno dell'anno, l'umanità ha sottratto risorse alle generazioni successive.


In particolare, quest'anno l'Earth Overshoot Day è stato il 2 agosto.


L'Earth Overshoot Day è calcolato dal Global Footprint Network, un'organizzazione di ricerca internazionale che fornisce agli attori decisionali un insieme di strumenti per aiutare l'economia umana a operare entro i limiti ecologici del nostro pianeta.


Per determinare la data dell'Earth Overshoot Day di ciascun anno, il Global Footprint Network calcola il numero di giorni in un specifico anno in cui la biocapacità della Terra è sufficiente a soddisfare l'Impronta ecologica dell'umanità.


L'Earth Overshoot Day viene calcolato dividendo la biocapacità del pianeta (cioè la quantità di risorse ecologiche che la Terra è in grado di generare in quell'anno) per l'impronta ecologica dell'umanità (ovvero la richiesta delle risorse da parte dell'umanità nello stesso anno) e moltiplicando il risultato per 365, il numero di giorni in un anno:


(Biocapacità della Terra / Impronta ecologica dell'umanità) x 365 = Earth Overshoot Day.


In particolare, dal lato dell'offerta, la biocapacità di una città, uno stato o una nazione rappresenta la loro superficie terrestre e marittima biologicamente produttiva, inclusi boschi, pascoli, terreni coltivati, zone di pesca e aree edificate. Dal lato della domanda, l'impronta ecologica misura le richieste di una popolazione in termini di prodotti alimentari e fibre vegetali, bestiame e prodotti ittici, legname e altre risorse forestali, nonché lo spazio necessario per infrastrutture urbane e aree boschive per l'assorbimento delle emissioni di anidride carbonica derivanti dai combustibili fossili. Entrambe le misurazioni sono espresse in ettari globali, unità di misura standardizzate e comparabili su scala mondiale, con riferimento a una produttività media globale. Un ettaro corrisponde a 10.000 metri quadrati o 2,47 acri.



Quali sono le soluzioni per ridurre la nostra impronta ecologica?


Fortunatamente esistono diverse soluzioni in grado di favorire una riduzione della nostra impronta ecologica, come:


  • Decarbonizzazione: la decarbonizzazione dell'economia rappresenta non solo la migliore opportunità per affrontare il cambiamento climatico, ma migliorerebbe anche significativamente l'equilibrio tra la nostra impronta ecologica e le risorse rinnovabili del pianeta. Più di 150 anni fa, l'impronta di carbonio dell'umanità si avvicinava allo zero. Se desideriamo limitare l'aumento della temperatura globale a meno di 2°C, l'impronta di carbonio dovrebbe ritornare a zero entro il 2050

  • Città sostenibili: si prevede che entro il 2050, tra il 70% e l'80% della popolazione mondiale vivrà nelle aree urbane. Di conseguenza, la pianificazione urbana intelligente e le strategie di sviluppo urbano risultano fondamentali per ridurre la nostra impronta ecologica. In particolare, l'urbanistica può rivestire un ruolo fondamentale nel modellare la nostra dipendenza dalle automobili. Questo aspetto è di cruciale importanza poiché la mobilità individuale rappresenta il 17% dell'impronta di carbonio dell'umanità

  • Riduzione spreco alimentare: uno degli obiettivi dell'Obiettivo di Sviluppo Sostenibile 12 delle Nazioni Unite, riguardante il consumo e la produzione sostenibili, consiste nel dimezzare lo spreco alimentare globale pro capite sia a livello di vendita al dettaglio che di consumo, e nel ridurre le perdite alimentari lungo la produzione e le catene di approvvigionamento, comprese le perdite post-raccolto, entro il 2030. Se riuscissimo a ridurre il desperdizio alimentare a metà in tutto il mondo, riusciremmo a spostare l'Overshoot Day di 13 giorni

  • Ripristino e protezione degli ecosistemi naturali: il rimboschimento delle foreste tropicali e delle mangrovie offre un triplice vantaggio: aumenta la biodiversità, sequestra l'anidride carbonica e funge da barriera contro le inondazioni durante gli uragani per le aree urbane costiere situate nei tropici e nei subtropici


Conclusioni


L'Earth Overshoot Day rappresenta un indicatore cruciale che evidenzia l'eccessivo consumo delle risorse del pianeta da parte dell'umanità. Il suo spostamento sempre più avanti nel corso dell'anno costituisce un segnale dell'incremento della pressione che stiamo esercitando sulle risorse ecologiche della Terra.


Il calcolo della data dell'Earth Overshoot Day da parte del Global Footprint Network mette in luce l'impellente necessità di adottare azioni decise e collaborative per limitare la nostra impronta ecologica. Le soluzioni proposte, come la decarbonizzazione dell'economia, la promozione di città sostenibili, la riduzione dello spreco alimentare e il ripristino degli ecosistemi naturali, offrono percorsi concreti per invertire questa tendenza e promuovere uno sviluppo che rispetti i confini del nostro pianeta.


È fondamentale comprendere che la sfida della sostenibilità richiede un impegno globale e un cambiamento nei comportamenti sia individuali che collettivi. L'obiettivo di raggiungere un equilibrio tra le necessità umane e le risorse disponibili deve occupare un posto centrale nelle politiche, nelle strategie aziendali e nelle scelte personali.


In conclusione, l'Earth Overshoot Day ci rammenta che le nostre scelte di vita e le nostre azioni hanno un impatto tangibile sul nostro pianeta. Possediamo l'opportunità e la responsabilità di adottare scelte più sostenibili al fine di preservare l'ambiente per le generazioni future.

Comments


bottom of page