Il progetto "green" di Ecodream: dagli scarti a nuovi prodotti di moda sostenibili

Ecodream è fortemente legata ai concetti di moda etica e sostenibile. Il suo obiettivo è quello di ridurre gli impatti del settore della moda rendendolo più compatibile con l'ambiente.

In che modo? Trasformando gli scarti, i sottoprodotti e le rimanenze delle imprese locali in nuovi materiali impiegati per realizzare i propri prodotti.



La moda è uno dei settori più inquinanti: ecco i dati del Wwf


Secondo il Wwf, la moda è uno dei settori economici maggiormente inquinanti, essendo responsabile dell'emissione di 1,7 miliardi di tonnellate di CO2 all’anno.

Considerando che il fabbisogno di abbigliamento continuerà a crescere, passando da 62 milioni di tonnellate nel 2015 a 102 milioni nel 2030, per mantenere il successo finanziario, le aziende dovranno ridurre il proprio impatto ecologico ed individuare soluzioni meno inquinanti, utilizzando materiali riciclati, riducendo il consumo di materie prime vergini, i consumi idrici ed azzerando l'impiego di sostanze chimiche dannose per l'uomo e per l'ambiente.


Ecodream: ecco il progetto per una moda più sostenibile


Come si è appreso in precedenza, il settore della moda, per poter avere dei regimi produttivi sostenibili, capaci di rispondere adeguatamente alla crescente domanda di abbigliamento, dovrà necessariamente individuare soluzioni meno impattanti e, allo stesso tempo, redditizie.

Ecodream, analizzando il contesto attuale e soprattutto quello futuro, ha abbandonato il concetto di "fast fashion" fondato su una visione estremamente consumistica, abbracciando il concetto di "ethical fashion".

L'obiettivo di Ecodream è quello di ridurre gli impatti ambientali imputabili al settore della moda recuperando i materiali che le aziende scartano, valorizzando le loro qualità evitando che diventino un rifiuto da smaltire.

Un obiettivo ambizioso, per creare un nuovo modo di intendere e "fare" moda, che sia in grado di rispondere alle necessità dei consumatori senza compromettere l'ambiente ed il futuro delle prossime generazioni.


"I nostri prodotti sono realizzati con tutta una serie di materiali di recupero e/o riciclati. Si va da materiali più tradizionali, come scarti e rimanenze di pelle, rimanenze di tessuto e rimanenze di pelle sintetica, a materiali più atipici e sperimentali, come camere d’aria usate, manifesti in PVC usati, sacchi di juta usati e tutto quello che ci si può presentare all’occasione.

Sono tutti materiali che si accomunano per una caratteristica: pur non avendo ancora perso il loro potenziale vengono considerati alla stregua di rifiuti.


Anche per quanto riguarda i materiali utilizzati in alcune fasi di lavorazione, o per alcune componenti interne non visibili, prestiamo la massima attenzione nell’impiego di materiali che siano eco-sostenibili.

I materiali di rinforzo che impieghiamo per dare rigidità ai nostri prodotti sono costituiti tra il 60 e il 90% (in base al modello) da materiali rigenerati, ricavati dal riciclo dei residui di pelli conciate al vegetale, legati con lattice naturale.

L’azienda produttrice è certificata EMAS (Eco-Management and Audit Scheme), sistema comunitario di ecogestione e audit conforme alla norma ISO 9001.

La parte restante di materiale di rinforzo impiegata, fino al 40% del totale (in base al modello), è costituita da un materiale certificato GRS (Global Recycle Standard).

Per i materiali di rinforzo sintetici stiamo introducendo una nuova versione del materiale, da poco proposta sul mercato, appartenente alla classe ‘ECO’, si tratta di una linea di materiale che l’azienda produttrice identifica come eco-compatibile.

Per alcuni modelli viene utilizzato un materiale di rinforzo a base di cellulosa, un materiale ecologico di origine vegetale, quindi totalmente vegan.


La colla utilizzata per assemblare alcune componenti dei nostri prodotti è a base acquosa di tipo ecologico, è atossica e non nociva per la salute, non è dannosa per l’ambiente e non contiene solventi.

Per i pacchi che spediamo ai nostri clienti utilizziamo quasi esclusivamente carta e cartone, non sbiancati e privi di stampe non necessarie. Sono tutti materiali riciclabili al 100% e una parte è costituita da materiali riciclati e/o riutilizzati.

Il nostro packaging è minimale ed essenziale, è privo di elementi superflui e non necessari.


I nostri prodotti sono interamente realizzati nel Mugello, in provincia di Firenze. Gran parte del processo produttivo viene svolto direttamente nel nostro laboratorio mentre per alcune fasi ci appoggiamo ad artigiani locali, preziosi collaboratori che grazie alla loro esperienza ci supportano e ci arricchiscono.

Il risultato è un’attenzione maniacale ai piccoli dettagli, alle rifiniture, a tutti quegli elementi che possono contribuire alla qualità e alla durabilità del prodotto. Perché il nostro scopo non è solo quello di vendere un prodotto, ma creare un bene che possa accompagnare l’acquirente per una parte della sua vita, il più a lungo possibile.


Quando il prodotto arriva a fine vita, perché con l’utilizzo ha perso il suo inziale splendore, o qualche elemento con il tempo si è danneggiato, il nostro approccio non è mai di buttare. Perché un prodotto moda di qualità può essere sempre ripristinato, donandogli una nuova vita ed estendendo ulteriormente la sua funzione.

Offriamo infatti ai nostri vecchi clienti la possibilità di rigenerare i prodotti che hanno acquistato, perché ci sembra illogico comprare un prodotto nuovo quando è possibile dare una seconda vita a quello che uno ha già."

27 visualizzazioni